Breda

Il Riciclaggio di Inerti in Europa Breda Settembre 2018

Si è svolta il 10 ed 11 settembre a Breda ( Olanda ) la riunione periodica della task force di UEPG Recycling e l’ Italia era rappresentata da, Marco Magnoni ( Eureko ),  Alberto Scarsini ( Inerti San Valentino ) e Paolo Zambianchi ( Holcim Lafarge )

All’ ordine del giorno era innanzitutto la presentazione , da parte dei padroni di casa della Associazione Olandese Cascade (https://www.cascade-zandgrind.nl/)  della realtà del mercato degli inerti naturali e di quelli riciclati da C&D , da sempre molto sviluppato come le buone pratiche per la gestione selettiva delle demolizioni in Europa . Uno degli elementi più importanti emersi durante questa presentazione è che a fronte dei progetti ambiziosi del Governo olandese di ridurre del 50% entro il 2030 il consumo di materie prime (minerali, fossili, metalli), agli effetti dell’analisi del Ciclo di vita (LCA), che è obbligatorio in Olanda per tutti i materiali da costruzione, non c’è molta differenza, nello specifico,  tra gli aggregati primari (naturali) e secondari (riciclati). Il ruolo principale spetta infatti  (spesso in negativo) al trasporto!! Quindi la valutazione fondamentale è la vicinanza dei siti di approvvigionamento e/o riciclaggio ai siti di produzione di Calcestruzzo e/o ai cantieri.

E’ seguita poi una discussione dell’implementazione del  LCA (Life Cycle Assessment) con il CPR regolamento dei prodotti da costruzione  e su come tali dati potrebbero per esempio essere inseriti (ipotesi da evitare!) nel marchio CE.

Inoltre hanno completato la giornata di lavoro un approfondimento del c.d. “end of waste criteria” , ovvero dei criteri generali  che dovrebbero stabilire la cessazione di “rifiuto” , dopo gli opportuni trattamenti, e comincia una nuova vita come nuovo prodotto.  Di particolare evidenza è risultato l’ aspetto che manca un armonizzazione tra quanto previsto per i prodotti  di “prima immissione sul mercato” e quelli derivanti “da recupero di rifiuto ( MPS )” e questo può portare ad una macroscopica incongruenza :  una stessa quantità di sostanze chimiche presenti determina  la  classificazione di un prodotto come pericoloso ( o meno ) solo in virtù del fatto che sia originato da un  processo di produzione “originario” o di “recupero”.  La commissione EU viste le diverse interpretazioni ed incongruenze potrebbe sviluppare dei criteri generali per EoW anche negli aggregati.

Ha chiuso i lavori uno studio scientifico ( realizzato dagli inglesi ) sul possibile rilascio da parte di aggregati riciclati di cromo esavalente ( contenuto nella matrice cementizia eventualmente oggetto di recupero ).

Dopo la sessione dei lavori “in aula” il gruppo è stato ospitato presso l’impianto di Riciclo e produzione di calcestruzzo della Cementbouw Recycling (https://www.cementbouw.nl/producten-en-diensten/recycling) nei pressi di Breda, che fa parte del Gruppo CRH (Cement Roadstone Holdings, una delle primarie aziende a livello mondiale del settore cemento, calcestruzzo ed aggregati ). ( vedi fotografie )

ANEPLA ospiterà  il prossimo meeting della Task Force sugli Aggregati riciclati a Marzo del 2019 a Milano per il quale seguiranno dettagliate informazioni.

 

IMG-20180911-WA0000         IMG-20180911-WA0013

Check Also

Assemblea Ordinaria ANEPLA 2022

Assemblea Ordinaria ANEPLA 2022 e rinnovo Presidenza

Il giorno 25 Novembre 2022 si è tenuta l’Assemblea Ordinaria dell’Associazione presso l’Auditorium di Confindustria Bergamo. L’assemblea …